Ultimo aggiornamento: 14 febbraio 2024

Vivi in condominio o in una casa indipendente e sei alla ricerca di incentivi per migliorare la tua abitazione? In questo articolo, esploreremo le principali agevolazioni statali e gli incentivi edilizi disponibili in Italia come da Decreto Legge 212 del 29 dicembre 2023.

Agevolazioni statali casa, bonus e incentivi edilizi 2024

In questo articolo, esploreremo le principali agevolazioni statali e gli incentivi edilizi disponibili in Italia, tra cui l’ecobonus ancora valido per i condomini, l’eco sismabonus e molti altri.

Le agevolazioni statali casa sono un insieme di incentivi e agevolazioni offerti dallo stato italiano per favorire interventi di ristrutturazione, miglioramento energetico e sicurezza degli immobili.

Queste agevolazioni possono assumere diverse forme, tra cui detrazioni fiscali, sgravi contributivi e finanziamenti agevolati.

Tra i principali incentivi edilizi rientrano l’ecobonus condominio e l’eco sismabonus condomini.

L’ecobonus condominio offre incentivi fiscali per interventi di efficientamento energetico a livello condominiale, come l’installazione di sistemi di isolamento termico o la sostituzione di impianti obsoleti con tecnologie a basso consumo energetico, ecc.

D’altra parte, l’eco sismabonus condomini fornisce incentivi per interventi antisismici volti a migliorare la sicurezza strutturale degli edifici, riducendo il rischio sismico e promuovendo la resilienza agli eventi tellurici.

Ma vediamo in dettaglio i principali.

Bonus 70: cosa resta del superbonus e documentazione necessaria

Di recente abbiamo pubblicato l’articolo “Superbonus condomini: come funziona il bonus 70 per cento nel 2024?” che risponde alle domande più comuni sull’ecobonus ossia: chi può usufruirne, gli interventi detraibili, gli adempimenti necessari, la documentazione necessaria e le regole per l’ottenimento della detrazione fiscale.

In particolare, su questo ultimo punto, la data di presentazione della Cilas (Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata Superbonus 110%) circoscrive il perimetro delle possibilità.

Qualora la Cilas sia stata presentata successivamente al 16 febbraio 2023 i lavori di ristrutturazione condominiale possono essere accordati solo con detrazione fiscale a carico dei proprietari con incentivo del 70% nel 2024 e del 65% nel 2025.

Puoi approfondire il tema dei bonus edilizi 2024 scaricando la Guida Bonus Edilizi per i Condomini.

Ecobonus 50 e 65 per cento: la riqualificazione energetica con detrazione fiscale

Gli Ecobonus al 50% e al 65% rappresentano un’opportunità importante per incentivare la sostenibilità ambientale e la riqualificazione del patrimonio edilizio, offrendo vantaggi sia dal punto di vista economico che ambientale.

Una delle caratteristiche principali di questi bonus è la sua durata, che si estende per un periodo di 10 anni. Durante questo arco temporale, coloro che decidono di aderire possono usufruire di una detrazione fiscale delle spese sostenute, fino a un massimo di 100.000 euro, a seconda della tipologia di intervento effettuato.

Questo incentivo è destinato a singole unità immobiliari o edifici e può essere richiesto sia da soggetti fisici (IRPEF) che da imprese (IRES).

Gli interventi coperti dal bonus includono:

  • miglioramenti dell’involucro dell’edificio o il suo isolamento termico;
  • miglioramenti degli impianti;
  • spese strettamente funzionali, compresa la progettazione;
  • sostituzione di serramenti e infissi;
  • installazione di schermature solari;
  • adozione di caldaie a biomassa o a condensazione con sistema di termoregolazione avanzato;
  • riqualificazione globale dell’edificio o dell’unità immobiliare;
  • adozione di generatori di aria calda a condensazione, pompe di calore, scaldacqua a pompa di calore, collettori solari, generatori ibridi, sistemi di building automation e microgeneratori.

Una caratteristica interessante di questo programma è la possibilità di cedere il credito d’imposta o ottenere uno sconto in fattura. Questo significa che, in determinate circostanze, è possibile trasferire il beneficio fiscale ad altre parti, come ad esempio nel caso di interventi condotti da enti del terzo settore o per gli interventi su edifici danneggiati da eventi come terremoti o alluvioni.

Ecobonus Condomini 70 e 75: riqualificazione energetica delle parti comuni condominiali

Gli ecobonus per condomini al 70% e al 75% rappresentano degli incentivi mirati alla riqualificazione energetica delle parti comuni degli edifici condominiali, offrendo agevolazioni fiscali significative per promuovere l’efficienza energetica e la sostenibilità ambientale.

Entrambi i programmi hanno una durata di 10 anni e prevedono un limite di spesa di 40.000 euro per unità immobiliare.

Nel caso dell’ecobonus al 70%, l’incentivo è del 70% delle spese sostenute per interventi di isolamento termico delle parti comuni opache che presentano un’incidenza superiore al 25% sulla superficie totale disperdente dell’edificio. Questi interventi devono riguardare l’involucro e le spese strettamente funzionali, incluse le attività di progettazione.

Anche in questo caso, è prevista la possibilità di cedere il credito o ottenere uno sconto in fattura, con alcune condizioni specifiche per il terzo settore o per gli interventi su edifici danneggiati da sisma o alluvioni.

L’Ecobonus al 75% presenta caratteristiche simili, con l’aggiunta del requisito di qualità media dell’involucro per l’isolamento termico delle parti comuni. Questo significa che oltre alla coibentazione dell’involucro con una superficie interessata superiore al 25%, l’involucro stesso deve avere una qualità media per poter beneficiare dell’ecobonus al 75%.

Eco-Sismabonus: la soluzione per migliorare la resistenza sismica dei condomini

Gli Eco-Sismabonus per condomini rappresentano degli incentivi fiscali finalizzati a migliorare la resistenza sismica degli edifici condominiali, promuovendo interventi strutturali e di riqualificazione che possono contribuire a proteggere le persone e le proprietà in caso di eventi sismici.

Questi interventi possono riguardare diversi aspetti, dall’aggiornamento degli elementi strutturali alla coibentazione, tinteggiatura e altre spese accessorie necessarie per completare i lavori.

La percentuale dell’incentivo è legata alla tipologia di interventi. Se più ampli e completi e se permetto di migliorare di due classi il rischio sismico è possibile accedere all’85%.

Puoi approfondire le tipologie e le percentuali di Eco Sismabonus scaricando la Guida Bonus Edilizi per i Condomini.

Bonus Casa: l’unico esclusivo per le persone fisiche (soggetti IRPEF)

Il Bonus Casa al 50% è un programma governativo che punta a sostenere i proprietari di immobili nell’effettuare interventi di ristrutturazione edilizia e manutenzione, con particolare attenzione alle parti comuni degli edifici.

Il programma si estende per un periodo di 10 anni e offre un massimo di 96.000 euro di detrazione fiscale per ogni unità immobiliare.

Possono beneficiare di questo bonus principalmente i soggetti IRPEF, come proprietari di immobili, singoli proprietari, famiglie e investitori.

Gli interventi ammessi sono molteplici e coprono un’ampia gamma di lavori, tra cui la manutenzione straordinaria, il restauro conservativo, la ristrutturazione edilizia e la manutenzione ordinaria sulle parti comuni degli edifici.

A chi rivolgersi per identificare i bonus edilizi applicabili alla propria situazione?

Abbiamo parlato solo di alcuni dei bonus edilizi per il 2024, ad esempio sarebbe opportuno approfondire bonus come quello per le barriere architettoniche, per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici e quello per la sistemazione del verde e dei giardini.

Per identificare i bonus edilizi applicabili alla propria specifica situazione occorre affidarsi a dei professionisti.

La normativa di riferimento è spesso soggetta a modifiche ed esistono alcune specificità relative alla zona di riferimento. Anche all’interno della medesima città i bonus applicabili possono cambiare.

Per un quadro completo, pertanto, suggeriamo di contattare direttamente la Firmitas, una società specializzata in servizi integrati per il condominio.

Solo lo scorso anno ben 120 condomini a Torino e provincia hanno usufruito dei nostri servizi, dalle pratiche edilizie e di ristrutturazione alla gestione della sicurezza.

La Firmitas opera come General Contractor e, da anni, progetta e realizza soluzioni di efficientamento energetico di edifici unifamiliari e condomini.

Con noi puoi terminare le pratiche edilizie e i lavori lasciati in sospeso, oltre che accedere agli incentivi dell’anno.

Richiedi oggi stesso una prima consulenza gratuita.​

Guida Bonus Edilizi 2024

Raccontaci il tuo progetto, ti risponderemo in 24h!

Al trattamento dei miei dati personali per le finalità di: invio di comunicazioni, newsletter, sia di natura divulgativa che promozionale con modalità anche automatizzate nonché per la partecipazione ad eventi formativi sia su piattaforma di proprietà della società sia di terze parti.

Al trattamento dei miei dati personali per le finalità di: comunicazione di dati a terzi soggetti partner di Firmitas S.r.l. per finalità pubblicitarie, di promozione e di marketing.

×