L’isolamento termico contribuisce notevolmente alla riduzione dell’impronta carbonica delle città. È essenziale per combattere il cambiamento climatico e per migliorare la sostenibilità ambientale e la resilienza urbana.

Politiche urbane che incentivano la riqualificazione energetica degli edifici esistenti e che impongono standard elevati per le nuove costruzioni sono cruciali.

La coibentazione termica nel tessuto urbano è, dunque, un tema fondamentale per rendere le città più ecosostenibili e vivibili.

In questo articolo esaminiamo alcune tecniche utilizzate, riflettiamo sull’importanza di queste pratiche in città urbanizzate come Torino e presentiamo alcuni spunti artistici nati dal confronto con il visual designer Alessio Cottino, autore dell’opera Firmitas A+ attualmente esposta nell’ambito della mostra “I volti della città” presso la sede torinese di Firmitas.

Le principali tecniche di isolamento termico nelle città occidentali

Con il cambiamento climatico, città come Torino possono aspettarsi variazioni più estreme nelle temperature e aumenti dell’intensità degli eventi meteorologici. L’isolamento termico diventa quindi una strategia adattiva cruciale per preparare gli edifici a condizioni climatiche più severe, assicurando la resilienza e la sostenibilità del tessuto urbano.

L’isolamento a cappotto è uno dei metodi più efficaci per migliorare l’isolamento termico degli edifici, come descritto nell’articolo “Perché è necessario fare il cappotto termico quando si programma il rifacimento delle facciate”. Questa tecnica non solo aiuta a mantenere una temperatura interna stabile riducendo i consumi energetici, ma migliora anche l’estetica dell’edificio, contribuendo alla valorizzazione dell’immobile.

Quando parliamo di isolamento termico degli edifici urbani ci riferiamo principalmente a tecniche innovative. Tra queste si distinguono:

1. Verde verticale e tetti verdi

Le soluzioni di verde verticale e tetti verdi non sono solo esteticamente piacevoli, ma offrono anche significativi benefici ambientali e termici.

Con il termine verde verticale si fa riferimento all’uso di facciate degli edifici coperte di vegetazione, che possono ridurre la temperatura superficiale dell’edificio assorbendo calore. Questo aiuta a diminuire la temperatura interna, riducendo il bisogno di climatizzazione. I tetti verdi funzionano in modo simile, coprendo i tetti con uno strato di vegetazione che isola l’edificio, mantenendo più freschi gli interni d’estate e più caldi d’inverno.

Entrambe le soluzioni contribuiscono a combattere l’effetto isola di calore urbano, un fenomeno che causa un aumento delle temperature in aree densamente costruite a causa dell’assorbimento e irradiamento di calore da parte di edifici e asfalto. Le piante non solo raffreddano l’ambiente attraverso il processo di evapotraspirazione, ma migliorano anche la qualità dell’aria assorbendo CO2 e rilasciando ossigeno.

2. Materiali riflettenti e superfici chiare

L’uso di materiali riflettenti e superfici chiare nelle costruzioni urbane è una tecnica efficace per ridurre il riscaldamento passivo degli edifici. Materiali come vernici riflettenti e la scelta di colori chiari per le facciate e i tetti possono riflettere una maggior parte della radiazione solare rispetto a materiali scuri. Questo non solo riduce la necessità di climatizzazione interna, ma contribuisce anche a minimizzare l’effetto isola di calore nelle città, migliorando il comfort ambientale nelle aree urbane.

3. Isolamento delle strutture edilizie

Un efficace isolamento delle strutture edilizie è fondamentale per migliorare l’efficienza energetica degli edifici. Materiali come la schiuma poliuretanica, la fibra di vetro e il sughero sono comunemente utilizzati per l’isolamento delle pareti, dei tetti e dei pavimenti.

Questi materiali agiscono come barriere contro la perdita di calore in inverno e l’ingresso di calore in estate, stabilizzando la temperatura interna e riducendo il carico su sistemi di riscaldamento e raffreddamento, il che si traduce in minori consumi energetici e costi operativi ridotti.

4. Utilizzo di tecnologie sostenibili

L’integrazione di tecnologie sostenibili come i pannelli solari termici e fotovoltaici negli edifici urbani offre una doppia funzione: producono energia pulita e riducono il consumo di energia elettrica tradizionale. I pannelli solari termici trasformano la luce solare in energia termica utilizzata per riscaldare acqua o ambienti, mentre i pannelli fotovoltaici convertono la luce solare direttamente in energia elettrica. Queste tecnologie non solo contribuiscono a rendere gli edifici più autosufficienti dal punto di vista energetico, ma aiutano anche a ridurre l’impronta di carbonio delle città, supportando gli obiettivi di sostenibilità ambientale.

Città urbanizzate come Torino, caratterizzata da inverni freddi ed estati calde, trae benefici significativi dall’isolamento termico degli edifici:

  • Risparmio energetico: Gli edifici ben isolati richiedono meno energia per il riscaldamento e il raffreddamento, riducendo i costi per gli abitanti e diminuendo la dipendenza da fonti energetiche non rinnovabili;
  • Comfort abitativo: L’isolamento migliora il comfort all’interno degli edifici, mantenendo temperature più stabili;
  • Riduzione delle emissioni di CO2: Minore consumo energetico significa anche ridotte emissioni di CO2, contribuendo alla lotta contro il cambiamento climatico.

Guarda la gallery dei nostri lavori.

Riflessioni e spunti artistici sulla riqualificazione energetica

L’arte può giocare un ruolo significativo nella sensibilizzazione su queste tematiche. Opere che integrano elementi naturali o che utilizzano materiali sostenibili possono ispirare il pubblico a riflettere sull’ambiente urbano e sulla sua sostenibilità. Installazioni artistiche che impiegano materiali riciclati o che mostrano l’effetto dell’isolamento termico possono trasformare lo spazio urbano e stimolare un dialogo costruttivo sulla sostenibilità.

La mostra “I Volti della Città” di Alessio Cottino presso Firmitas esplora l’impatto visivo e sociale della riqualificazione energetica attraverso l’arte. L’intento di Firmitas con questa esposizione artistica è quello di sensibilizzare il pubblico sull’importanza dell’isolamento termico, mostrando concretamente come miglioramenti tecnici possano influenzare positivamente la vita quotidiana e il futuro delle nostre città.

Vi aspettiamo alla mostra di Alessio Cottino dal 24 maggio al 31 luglio su prenotazione presso la sede torinese di Firmitas in Via Borgone 15/d.  L’accesso è possibile su prenotazione.

In foto: Firmitas A+, l’opera realizzata da Alessio Cottino per illustrare il lavoro di Firmitas, scopri di più.

Hai un immobile da riqualificare? Raccontaci il tuo progetto, ti risponderemo in 24h!

In ottemperanza degli obblighi derivanti dalla normativa nazionale (D. Lgs 30 giugno 2003 n. 196, Codice in materia di protezione dei dati personali, e successive modifiche) e europea (Regolamento europeo per la protezione dei dati personali n. 679/2016, GDPR), il presente sito rispetta e tutela la riservatezza dei visitatori e degli utenti, ponendo in essere ogni sforzo possibile e proporzionato per non ledere i diritti degli utenti.

Al trattamento dei miei dati personali per le finalità di: invio di comunicazioni, newsletter, sia di natura divulgativa che promozionale con modalità anche automatizzate nonché per la partecipazione ad eventi formativi sia su piattaforma di proprietà della società sia di terze parti.

×